"La testimonianza di due donne in ricerca - Trasforma il male in bene"

continua la lettura

LE PERSONE DELL’ORATORIO: gli animatori

L’essere animatore rappresenta per molti adolescenti la prima occasione continuativa e strutturata per sperimentare il prendersi cura dell’altro e la primissima soglia d’ingresso nel servizio educativo.

L’animazione, metodo primo dell’oratorio come coinvolgimento diretto, si attua mediante molteplici linguaggi quali il gioco, la musica, la recitazione, la manualità. Animare significa partire da alcune caratteristiche della persona come la sensibilità, l’espressività, l’immaginazione e l’intersoggettività. L’animatore perciò dovrebbe essere una persona carica di entusiasmo, passione ed empatia e, per questo, in grado di coinvolgere i ragazzi, prima ancora per ciò che propone, per quello che è e riesce a trasmettere di se stesso; una figura credibile e affidabile, capace di interessarsi all’altro e nel contempo di interessare l’altro.

(Da “Istantanee dall’oratorio, don Samuele Marelli)

 

Animatore work in progess

Leggi i dettagli

"Quando vien la Candelora, de l’inverno semo fora; ma se piove o tira il vento, de l’inverno semo dentro"

2 Febbraio Candelora - continua la lettura