Tempo di Avvento

Quarta Settimana

DIO RICCO DI MISERICORDIA

Il Messia che entrando in Gerusalemme prepara la sua consegna, libera e obbediente, alla morte assume la sfida del male. E lo fa in modo del tutto imprevedibile: lo prende su di sé. Così il suo solenne ingresso ci indica che è Lui l’atteso, ma soprattutto mostra che Dio, attraverso un Messia giusto, umile e pacifico, risponde al male dell’uomo con la sua misericordia. Infatti, come ci ricorda san Giovanni Paolo II, la «rivelazione dell’amore viene anche definita misericordia, e tale rivelazione dell’amore e della misericordia ha nella storia dell’uomo una forma e un nome: si chiama Gesù Cristo» (Redemptor Hominis, n. 9). Il colto dell’atteso è la misericordia. Ogni uomo lo intuisce, a partire dalle relazioni costitutive che si vivono in famiglia, tra gli sposi e con i figli: si conosce veramente l’amore solo quando si viene perdonati. Il perdono donato a chi non lo meriterebbe è l’espressione suprema della gratuità dell’amore.

(Angelo Scola)

 Avvento 2016 - La parola ogni giorno



 ORARI DELLE CELEBRAZIONI NELLE FESTIVITA' NATALIZIE 2016



Novena di Natale locandina



Festa Patronale Sant'Ambrogio 2016 locandina



Concorso Presepi 2016  modulo iscrizione



Benedizioni 2016 - Famiglie visitate lettera e elenco vie



Benedizioni 2016 - Famiglie invitate in chiesa lettera e elenco vie



Carità dell'Avvento 2016 locandina

Sarà gestito da Caritas, Centro Ascolto e una coperativa sociale  Il gesto di carità dell'Avvento per il reinserimento lavorativo di cittadini disoccupati e in difficoltà / - Amico della Famiglia - Novembre



Catechesi Adulti 2016-2017 locandina

 Incontri già tenuti - leggi o scarica il pdf



SEREGNO A FATIMA NEL CENTENARIO DELLE APPARIZIONI 1917 - 2017 da giovedì 1 a domenica 4 giugno 2017 programma



8 dicembre 2015 - 20 novembre 2016

misericordiosi come il Padre Signore Gesù Cristo,
tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste,
e ci hai detto che chi vede te vede Lui.

Mostraci il tuo volto e saremo salvi.
Il tuo sguardo pieno di amore liberò Zaccheo e Matteo dalla schiavitù del denaro;
l'adultera e la Maddalena dal porre la felicità solo in una creatura;
fece piangere Pietro dopo il tradimento,
e assicurò il Paradiso al ladrone pentito.
Fa' che ognuno di noi ascolti come rivolta a sé la parola che dicesti alla samaritana: "Se tu conoscessi il dono di Dio!"

Tu sei il volto visibile del Padre invisibile,
del Dio che manifesta la sua onnipotenza soprattutto con il perdono e la misericordia:
fa' che la Chiesa sia nel mondo il volto visibile di Te, suo Signore, risorto e nella gloria.

Hai voluto che i tuoi ministri fossero anch'essi rivestiti di debolezza per sentire giusta compassione per quelli che sono nell'ignoranza e nell'errore; fa' che chiunque si accosti a uno di loro si senta atteso, amato e perdonato da Dio.

Manda il tuo Spirito e consacraci tutti con la sua unzione
perché il Giubileo della Misericordia sia un anno di grazia del Signore
e la sua Chiesa con rinnovato entusiasmo possa portare ai poveri il lieto messaggio, proclamare ai prigionieri e agli oppressi la libertà e ai ciechi restituire la vista.

Lo chiediamo per intercessione di Maria Madre della Misericordia a te che vivi e regni con il Padre e lo Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli.

Amen

Scarica il volantino del Giubileo della Misericordia e la guida del Sacramento della Riconciliazione.