COMUNITÀ PASTORALE GIOVANNI PAOLO II

dove siamo Comunità parrocchiale di S. Ambrogio in Seregno orari SS. Messe

 

 

Si ricorda che è sempre attivo il SERVIZIO TRASPORTO ANZIANI PER LA S. MESSA <<<>>> Nei sabati pomeriggio, dalle 15 alle 17.45, è sempre possibile trovare un prete a disposizione per le confessioni

 

 

 

 

 

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!

Il Vangelo di oggi presenta il racconto della risurrezione di una ragazzina di dodici anni, figlia di uno dei capi della sinagoga, il quale si getta ai piedi di Gesù e lo supplica: «La mia figlioletta sta morendo; vieni a imporle le mani, perché sia salvata e viva» (Mc 5,23). In questa preghiera sentiamo la preoccupazione di ogni padre per la vita e per il bene dei suoi figli. Ma sentiamo anche la grande fede che quell’uomo ha in Gesù. E quando arriva la notizia che la fanciulla è morta, Gesù gli dice: «Non temere, soltanto abbi fede!» (v. 36). Dà coraggio questa parola di Gesù! E la dice anche a noi, tante volte: “Non temere, soltanto abbi fede!”. Entrato nella casa, il Signore manda via tutta la gente che piange e grida e si rivolge alla bambina morta, dicendo: «Fanciulla, io ti dico: alzati!» (v. 41). E subito la fanciulla si alzò e si mise a camminare. Qui si vede il potere assoluto di Gesù sulla morte, che per Lui è come un sonno dal quale ci può risvegliare.

All’interno di questo racconto, l’Evangelista inserisce un altro episodio: la guarigione di una donna che da dodici anni soffriva di perdite di sangue. A causa di questa malattia che, secondo la cultura del tempo, la rendeva “impura”, ella doveva evitare ogni contatto umano: poverina, era condannata ad una morte civile. Questa donna anonima, in mezzo alla folla che segue Gesù, dice tra sé: «Se riuscirò anche solo a toccare le sue vesti, sarò salvata» (v. 28). E così avviene: il bisogno di essere liberata la spinge ad osare e la fede “strappa”, per così dire, al Signore la guarigione. Chi crede “tocca” Gesù e attinge da Lui la Grazia che salva. La fede è questo: toccare Gesù e attingere da Lui la grazia che salva. Ci salva, ci salva la vita spirituale, ci salva da tanti problemi. Gesù se ne accorge e, in mezzo alla gente, cerca il volto di quella donna. Lei si fa avanti tremante e Lui le dice: «Figlia, la tua fede ti ha salvata» (v. 34). E’ la voce del Padre celeste che parla in Gesù: “Figlia, non sei maledetta, non sei esclusa, sei mia figlia!”. E ogni volta che Gesù si avvicina a noi, quando noi andiamo da Lui con la fede, sentiamo questo dal Padre: “Figlio, tu sei mio figlio, tu sei mia figlia! Tu sei guarito, tu sei guarita. Io perdono tutti, tutto. Io guarisco tutti e tutto”.

Questi due episodi – una guarigione e una risurrezione – hanno un unico centro: la fede. Il messaggio è chiaro, e si può riassumere in una domanda: crediamo che Gesù ci può guarire e ci può risvegliare dalla morte? Tutto il Vangelo è scritto nella luce di questa fede: Gesù è risorto, ha vinto la morte, e per questa sua vittoria anche noi risorgeremo. Questa fede, che per i primi cristiani era sicura, può appannarsi e farsi incerta, al punto che alcuni confondono risurrezione con reincarnazione. La Parola di Dio di questa domenica ci invita a vivere nella certezza della risurrezione: Gesù è il Signore, Gesù ha potere sul male e sulla morte, e vuole portarci nella casa del Padre, dove regna la vita. E lì ci incontreremo tutti, tutti noi che siamo qui in piazza oggi, ci incontreremo nella casa del Padre, nella vita che Gesù ci darà.

La Risurrezione di Cristo agisce nella storia come principio di rinnovamento e di speranza. Chiunque è disperato e stanco fino alla morte, se si affida a Gesù e al suo amore può ricominciare a vivere. Anche incominciare una nuova vita, cambiare vita è un modo di risorgere, di risuscitare. La fede è una forza di vita, dà pienezza alla nostra umanità; e chi crede in Cristo si deve riconoscere perché promuove la vita in ogni situazione, per far sperimentare a tutti, specialmente ai più deboli, l’amore di Dio che libera e salva.

Chiediamo al Signore, per intercessione della Vergine Maria, il dono di una fede forte e coraggiosa, che ci spinga ad essere diffusori di speranza e di vita tra i nostri fratelli.

PAPA FRANCESCO

ANGELUS

Piazza San Pietro
Domenica, 28 giugno 2015

 

 

le riflessioni delle settimane precedenti

 

 

 

 

Ultimi aggiornamenti
 
   

Orario estivo SS. Messe in Seregno 2015

   
             
     

La Diocesi di Milano ed Expo Milano 2015

La Chiesa ambrosiana guarda con attenzione a Expo cogliendola come opportunità pastorale. La Diocesi, le parrocchie , le associazioni e i movimenti sono attivissimi con una pluralità di proposte formative, culturali, di preghiera e di animazione idealmente guidate dalla domanda "Cosa nutre la vita?" All'indirizzo www.chiesadimilano.it/expo il sito ufficiale della Diocesi in Expo aggiornato con appuntamenti, iniziative e proposte. Qui tutte le informazioni per visitare Expo, secondo itinerari interessanti e guidati, con prezzi convenzionati. Facebook : Chiesa in Expo

 

     
     

Teofilo nr 26 2015-06-28

L'Amico della Famiglia Anno XCIII n 6 giugno 2015.pdf

     
     

Turni trasporto anziani Giu - Set 2015

Eletti Consiglio Pastorale Comunità S.Giovanni Paolo II

 

     
     

Turni giugno - luglio 2014

Calendario Giugno 2015

     
     

Calendario 2015 dei pellegrinaggi delle Parrocchie della città di Seregno

vacanza estiva 2015

     
               

 

 

ALBUM FOTOGRAFICI

2 giugno 2015 incontro cresimandi con Cardinale Scola

29 maggio 2015  ore  20.30 S. Messa con la statua della Madonna di Fatima

11 maggio 2015 processione con la statua della Madonna di Fatima

 

Pellegrinaggio diocesano Confraternite 7 marzo 2015 al Sacro Monte di Varese

 

 

 

 

 

 

 

La catechesi di Papa Francesco

i twitter di Papa Francesco

 

il vangelo di oggi

 

EXPO SANTA SEDE

EXPO IN DIOCESI

CARITAS IN EXPO

EXPO BLOG CARITAS

 

 

 

 

aggiornamenti

2015  2014  2013  2012  2011  2010  2009  2008  2007  2006  2005

 

 

Casa Parrocchiale Viale Edison 64 - 20831 Seregno (MB) - Parroco don Renato BETTINELLI 0362.230810

Oratorio Bar Parrocchiale 0362.222256 - Coadiutore don Gabriele VILLA 0362.221043

Scuola dell'infanzia 0362.330220 - rev.de suore 0362.237107 - Scuole elementari e medie 0362.234186

Confratelli

 

 

Termini d'uso  -  Statistiche - Web Master

 

Ultimo aggiornamento: 28 giugno 2015